Come funziona Java e comprendere la struttura del codice di Java - Parte 2


Nel nostro ultimo post "Che cos'è Java e Storia di Java" avevamo trattato Cosa è Java, le funzionalità di Java in dettaglio, la cronologia delle versioni e la sua denominazione, nonché i luoghi in cui viene utilizzato Java.

Qui in questo post andremo a lavorare con la struttura del codice di Java Programming Language. Prima di procedere ricordati che Java è stato sviluppato tenendo presente che " Scrivi una volta eseguito ovunque/in qualsiasi momento (WORA) " significa garantire che l'applicazione sviluppata sia architettonicamente neutrale, indipendente dalla piattaforma e portatile.

Lavorare di Java

Avendo in mente questi obiettivi, Java è stato sviluppato con il seguente modello funzionante che può essere classificato in quattro fasi.

Scrivi il file sorgente. Questo file contiene tutta la procedura, il metodo, la classe e gli oggetti all'interno del protocollo stabilito per il linguaggio di programmazione Java. Il nome del file sorgente dovrebbe essere il nome della classe o viceversa. Il nome del file di origine deve avere l'estensione .java . Anche il nome del file e del nome sono case sensitive.

Esegui il file del codice sorgente Java tramite il compilatore Java. Codice sorgente Java Il compilatore verifica la presenza di errori e sintassi nel file sorgente. Non ti permetterà di compilare il tuo codice sorgente senza soddisfare il compilatore Java correggendo tutti gli errori e gli avvisi.

Il compilatore crea il classfile. Questi file di classe ereditano lo stesso nome del nome del file del codice sorgente, ma l'estensione varia. Il nome del file di origine ha estensione 'filename.java' , dove l'estensione di classfile creata dal compilatore è 'filename.class' . Questo file di classe è codificato in bytecode: i bytecode sono magici.

Questo file di classe creato da Java Compiler è portatile e architettonicamente neutro. È possibile eseguire il porting di questo file di classe per l'esecuzione su qualsiasi architettura del processore e piattaforma/dispositivo. Tutto ciò di cui hai bisogno è una Java Virtual Machine (JVM) per eseguire questo codice, non importa dove.

Ora comprendi le quattro fasi precedenti usando un esempio. Ecco un piccolo esempio di codice del programma Java. Non preoccuparti se non capisci il codice qui sotto. A partire da ora basta capire come funziona.

public class MyFirstProgram
{
    public static void main(String[] args)
    {
        System.out.println("Hello Tecmint, This is my first Java Program");
    }
}

1. Ho scritto questo programma e definito il nome della classe MyFirstProgram . È importante notare che questo programma deve essere salvato come "MyFirstProgram.java" .

Ricorda stage 1 sopra: il nome della classe e il nome del file devono essere uguali e il nome del file deve avere l'estensione .java . Anche java è case sensitive quindi se il tuo nome di classe è " MyFirstProgram ", il nome del tuo file di origine deve essere " MyFirstProgram.java ".

Non puoi chiamarlo come " Myfirstprogram.java " o " myfirstprogram.java " o altro. Per convenzione è una buona idea denominare la classe in base a ciò che il programma sta facendo in realtà.

2. Per compilare questo file Java Source, devi passarlo attraverso il compilatore Java. Il compilatore Java controllerà essenzialmente il codice sorgente per eventuali errori e avvisi. Non compilerà il codice sorgente fino a quando tutti i problemi non saranno risolti. Per compilare il codice sorgente java, è necessario eseguire:

$ javac MyFirstProgram.java

Dove MyFirstProgram.java è il nome del file sorgente.

3. In caso di compilazione riuscita noterai che il compilatore Java ha creato un nuovo file nella stessa directory il cui nome è MyFirstProgram.class .

Questo file di classe è codificato in bytecode e può essere eseguito su qualsiasi piattaforma, qualsiasi architettura di processore in qualsiasi momento. È possibile eseguire il file di classe all'interno di JVM (Java Virtual Machine) su Linux o qualsiasi altra piattaforma semplicemente come:

$ java MyFirstProgram

Quindi tutto ciò che hai imparato sopra può essere riassunto come:

Java Source Code >> Compiler >> classfile/bytecode >> Various devices running JVM 

Comprendere la struttura del codice in Java

1. Il file del codice sorgente Java deve contenere una definizione di classe. Un file di origine Java può contenere solo una classe pubblica/classe di livello superiore, tuttavia può contenere un sacco di classe privata/classe interna.

La classe esterna/top class/public class può accedere a tutte le classi private/inner class. La classe deve essere racchiusa tra parentesi graffe. Tutto in Java è un oggetto e la classe è un progetto per oggetto.

Una demo di classe pubblica/privata in Java:

public class class0
{
...
	private class1
	{
	…
	}

	private class 2
	{
	…
	}
...
}

2. La classe contiene uno o più metodi. Il metodo deve andare all'interno delle parentesi graffe della classe. Un esempio fittizio è:

public class class0
{
	public static void main(String[] args)
	{
	…..
	…..
	}
}

3. Un metodo contiene una o più istruzioni/istruzioni. Le istruzioni devono essere comprese tra le parentesi graffe del metodo. Un esempio fittizio è:

public class class0
{
	public static void main(String[] args)
	{
	System.out.println("Hello Tecmint, This is my first Java Program");
	System.out.println("I am Loving Java");
	…
	...
	}
}

Inoltre, è importante menzionare a questo punto: ogni istruzione deve terminare con il punto e virgola. Un esempio fittizio è:

System.out.println("Hello Tecmint, This is my first Java Program");
...
...
System.out.println("I am Loving Java");

Scrivi il tuo primo programma Java con una descrizione dettagliata. La descrizione viene inserita come commento qui (/ significa commentato) in questo esempio. Dovresti scrivere commenti all'interno di un programma.

Non solo perché questa è una buona abitudine, ma anche perché rende il codice leggibile a voi oa chiunque altro in qualsiasi momento successivo.

// Declare a Public class and name it anything but remember the class name and file name must be same, say class name is MyProg and hence file name must be MyProg.java
public class MyProg

// Remember everything goes into curly braces of class?
{
 

// This is a method which is inside the curly braces of class.
   public static void main(String[] args)

    // Everything inside a method goes into curly braces	
    {
        
    // Statement or Instruction inside method. Note it ends with a semicolon
    System.out.println("I didn't knew JAVA was so much fun filled");
    
    // closing braces of method
    }

// closing braces of class
}

Una descrizione tecnica dettagliata del suddetto semplice programma Java.

public class MyProg

Qui nel suddetto nome di classe è MyProg e MyProg è una classe pubblica che significa che tutti possono accedervi.

public static void main(String[] args)

Qui il nome del metodo è main che è un metodo pubblico, significa che è accessibile a chiunque. Il tipo di reso è nullo, il che significa nessun valore di ritorno. 'Stringhe [] args' significa che gli argomenti per il metodo main dovrebbero essere array che deve essere chiamato args. Non preoccuparti del significato di " static " al momento. Descriveremo in dettaglio su di esso quando richiesto.

System.out.println("I didn't knew JAVA was so much fun filled");

System.out.ln chiedi a JVM di stampare l'output sullo standard output che è Linux Line Line nel nostro caso. Tutto ciò che si trova tra parentesi di println viene stampato così com'è, a meno che non si tratti di una variabile. Entreremo nei dettagli della variabile in seguito. L'istruzione termina con punto e virgola.

Anche se qualcosa non è chiaro ora non devi preoccuparti di questo. Inoltre non hai bisogno di ricordi nulla. Basta leggere il post e capire i termini e lavorare anche quando l'immagine non è molto chiara.

È tutto per ora. Resta connesso a Tecmint . Forniscici il tuo prezioso feedback nei commenti qui sotto. Stiamo lavorando alla parte successiva " class e Main method in Java " e pubblicheremo presto.